trasparenza, il Paradosso del giorno 23

Le nuove norme sulla trasparenza - che introducono una legislazione sul modello del Freedom of Information Act (Foia) dal nome della prima legge sulla trasparenza approvata negli Usa nel 1966 -  entrano in vigore oggi, 23 dicembre.

Nel mentre il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione proclama il grande risultato conseguito con le modifiche del nuovo d.Lgs 97/2016 che riformula e rende definitivamente operativo d.Lgs. 33/13 sulla trasparenza nella P.A., la Regione Basilicata, chissà per quali veri motivi, nella stessa giornata, si assume la responsabilità di negare l'accesso agli atti riguardanti il Bando sulla Mis. 19 - Leader, adducendo la motivazione della "genericità della richiesta", per quanto fosse stata abbastastanza circostanziata rispetto alla tipologia di provvedimento.

Il Paradosso che il diniego deciso dalla Regione nello stesso giorno dell'entrata in vigore della nuova normativa è evidente ed inequivocabile, basta leggere il testo in vigore, dove si specifica che: "Chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti, può accedere a tutti i dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria, nel rispetto di alcuni limiti tassativamente indicati dalla legge". (cfr art. 5 bis). 

Il Partenariato SPAI, che nello specifico del Bando, ha già dichiarato la propria disponibilità verso una eventuale proposta di sintesi delle strategie in ex aequo,nel pieno rispetto del principio di parità e di non discriminazione di nessuna delle proposte, ha tuttavia richiesto alla Regione l'accesso agli atti per poter verificare nel merito la corrispondenza dei punteggi assegnati alle due candidature risultate a parità di punteggio. Per tali motivi procederà alla contestazione della nota di diniego di accesso e visione dei documenti, a tutela dei propri diritti e nel rispetto della normativa sulla trasparenza, ulteriormente rafforzate dalle novità in vigore dal 23 dicembre 2016.

Il programma Leader rappresenta una importante occasione per affermare il principio della sussidiarietà posto a base da parte dell’Unione europea per l’attuazione dei programmi di sviluppo locale, per cui non va sottaciuto che è compito specifico della Regione Basilicata adoperarsi per guidare ed orientare i percorsi progettuali e di governance, necessari per costruire una strategia di crescita intelligente, sostenibile, inclusiva, evitando l’insorgere di situazioni di conflittualità e di contrapposizioni che sarebbero di ostacolo al perseguimento degli obiettivi e delle finalità previste dal programma comunitario.